Lo stadio agli ultrà, i tram alle vecchiette

I mezzi pubblici sono uno di quei posti in cui ognuno, inspiegabilmente, riesce a dare il peggio di sè.

Prendi ieri: è mattina, saranno le 8 o poco più, il cielo è foderato di una patina acquosa che sa di triste e d’autunno. Per quanto mi riguarda sono un po’ smorta, ho le mie fedeli occhiaie stratosferiche e onnipresenti, l’aria acida di chi ha trovato un coccodrillo nel water e le potenzialità comunicative di un’ameba in autunno.

Mi sto iniettando la mia pera mattutina di musica: seleziono dal fedele i-pod la modalità random e mi rinchiudo nel mio autismo musicale.

La scelta casuale non perdona: così Pink Floyd, Gotan Project, Officina Zoè, Queen, rimasugli sparsi di reggae e reggaeton e molto altro si trovano accostati in un improbabile minestrone di sonorità.

Mi becco tutto senza fiatare, sperando che il cielo grigioghisa prima o poi si decida a concedermi un sorriso luminoso.

Vado riflettendo che, oltre il Ponte delle Valli, deve esserci un qualche varco spazio – temporale che permette ai 63 di andare senza poi poter tornare indietro: sono 20 minuti che aspetto, me ne sono sfilati davanti 3, rigorosamente nella direzione opposta alla mia.

Magicamente il bus arriva, stracolmo, come di consueto. Chiamo a raccolta le mie molecole di tolleranza.

Mi ritaglio un posticino scomodo tra l’obliteratrice e un sedile. Mi ci accuccio. Cerco un labile equilibrio, mi arpiono a qualche maniglia, punto i piedi a terra.

Ho una borsona ingombrante nella quale tengo un paio di quaderni e qualche pezzo di vita, chè la mattina di certezze proprio non mi riesce di averne, e allora devo portarmi cose rassicuranti, scheggie di ricordi. Complementi e estenzioni di me.

La borsa, malauguratamente, va a sbattere contro il braccio della signora placidamente e flaccidamente seduta sul sedile al quale sono arpionata.

Mi rivolge uno sguardo di disprezzo e odio puro. Zittisco l’i-pod, le sorrido e mi scuso.

Vengo da quella scuola di pensiero che ritiete che un sorriso alle 8:15 del mattino sia un risarcimento più che sufficiente per un’involontaria borsettata.

Eh “Mi scusi, mi scusi!” la prossima volta m’ammazza e poi me chiede scusa!

Sono perplessa.

Perplessa tendente allo sconcertato.

Il bus fa l’ennesima fermata. Ho appena il tempo per richiamare alla mente quella strana legge di proporzionalità che impone che la gente che scende alla fermata sia necessariamente meno di un terzo di quella che sale.

Cerco di rimpicciolirmi, il che non è cosa facile essendo già formato mignon di default.

All’immancabile ultrasessantenne, collocata millimetricamente davanti alle porte d’ingresso del bus, un uomo chiede di spostarsi.

Ella, in un impeto di energia insospettato e inadeguato all’ora, gli fa:

Chè, non ci passa? E’ arrivato il padrone dell’autobus! E’ arrivato il padrone dell’autobus! Ma vada un po’ dove deve annà!

Il senso di sconcerto si amplifica.

Comincio a guardarmi in giro, sospettosa.

Una candida vecchietta col pettinino di tartaruga tra i capelli burrosi infila la mano nella borsetta.

Attendo, col fiato sospeso, la comparsa di un bazooka nella sua manina rugosa.

E quella lì? Quella col sorriso dolce e le rughe morbite attorno agli occhi, che armeggia nella tasca del cappotto?! Ne estrarrà un rasoio, affilatissimo, e sgozzerà il primo che le capita a tiro!

L’ingresso del quartiere Coppedè, alla mia sinistra, mi annuncia che Piazza Buenos Aires (che ci misi giorni a capire che i Romani la chiamano Piazza Quadrata) è vicina.

Guadagno, faticosamente, un posto accanto alle porte d’uscita.

Schizzo fuori schivando gli sguardi di fuoco dell’esercito bianco delle vecchiette dei mezzi pubblici.

Poi si dice che gli ultrà vanno allo stadio per sfogare la rabbia repressa!

E delle vecchiette sugli autobus, allora, ne vogliamo parlare?!

Basta, altro che 19! Io fino a Viale Romania me la faccio a piedi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...