Asimmetria

Costruisciti pure la tua bella immagine di me, chè tanto non riuscirò ad offrirtene una migliore.

Resterò sulla porta, a blaterare di briciole di vita e di discrezione, di voglia d’esserci e di rispetto. Conterò i passi, starò lì in silenzio. Chè quando m’impegno col cuore non ci riesco anche a parlare.

Poi un giorno misurerò la distanza sconfinata tra il mio essere e il tuo non capirmi.

Metterò maschere, forse.

Ti farò credere d’essere quello che vuoi che sia. Di vivere a fior di pelle.

Per qualche ora ci crederò anche io.

Poi raccoglierò i vestiti sparsi e mi eclisserò.

Probabile che mendicherò briciole d’affetto e di rispetto, prima. Probabile che mi arrabbierò, ripensandoci.

Ma tu restane fuori.

Goditi gli effetti del mio spasmodico attaccarmi alla vita e non pensarci, chè tanto lo so come sei, come siamo, a che gioco giochiamo.

La conosco la nostra triste asimmetria di prospettive.

Annunci

2 pensieri su “Asimmetria

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...