Le ragioni del coro

Vent’anni passati a sentirsi fuori dal coro. Sempre troppo oltre, o troppo puri, o troppo ingenui, o troppo consapevoli, o troppo coglioni.

Vent’anni a braccetto con le proprie intime solitudini. A oleare e a limare (controvoglia) i propri ingranaggi per funzionare con gli altri.

Vent’anni a sentirsi minoranza. Che dico! unità.

Fuori dal coro non c’è un contro-coro. Fuori dal coro, solo molecole impazzite che cozzano in moti frenetici e disordinati. Possono affiancarsi per un pezzo, avere l’illusione di un passo a due, ma il tempo le scaglierà ciascuna nella propria spirale di solitudine. Irrimediabilmente.

E allora, certi giorni, io quasi lo capisco, il coro. Con la sua armonia di voci educate e corrette. Misurate, ponderate, pesate, concordate.

Io le capisco le ragioni del coro e di chi ci sta dentro.

Lo capisco l’occhio triste di desiderio di chi si scopre a bramare l’ovvietà.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...