E pensare

che c’erano notti non sospette in cui era taglientemente piacevole sentirti mancare.

Lì, tra il cuore e le gambe.

(Se mi si chiedesse una parola, una sola, per parlare di questi giorni e della loro umidità grigia, li chiamerei viscidi.)
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...