lll

Tre anni che non ci sei.

Tre anni che m’impongo di mancare il giorno esatto. Sei sempre stato uno dai saluti profondi ed estemporanei, dalla clacsonata facile e la chiacchierata non prevista.

Se venissi ad onorare la tua foto con un fottuto mazzo di fiori e qualche lacrima d’ordinanza, credo che rideresti e mi daresti una pacca sulla spalla, aspettando di veder ridere anche me.

Potendo, ovvio.

Tre anni che in questi giorni cominciano i sogni e si svendono i ricordi.

Ti dirò, non c’è più dolore. Passa proprio tutto, eh?

Ordinaria commozione, malinconia quasi dolce e l’incredibile voglia di sapere cosa ne pensi.

Sempre se t’importa ancora, ovvio.

Au revoir,

fumo-l’ultima-anche-se-non-mi-va, anzi, l’accendo e la lascio lì, ché alla fine io ho smesso per davvero.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...