Quel tipo di Casertano

che ti chiede sempre: stai ancòra a Roma? 

e nell’indugiare indolenzito su quell’avverbio di tempo che se solo sposti l’accento diventa un’àncora, avverbio d’immobilità,

te lo lascia proprio capire che tu, per lui, hai mancato il centro del mondo di centocinquanta loungissimi chilometri.

[Rait nàu. 
Mò mò.]
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...